Introduzione

Salute Benessere per il musicista

"La musica è per l'anima quello che la ginnastica è per il corpo"

Platone

"La ginnastica è per il musicista quello che il corpo è per lo strumento"

Marco Modesto Livio

 

 

 

Sono notevolmente cresciuti, negli ultimi decenni, i carichi di lavoro dei musicisti professionisti (ma anche degli studenti che si preparano ad esami, corsi di perfezionamento e concorsi). Non sempre questi marcati aumenti dei carichi si sono tradotti in altrettanti miglioramenti, nelle prestazioni, anzi si registra un incremento di quelle che vengono comunemente definite "malattie professionali".

athleta musicus 1

 

 

 

Sale infatti sensibilmente il numero dei musicisti costretti a ricorrere agli psicofarmaci, beta-bloccanti o droghe stimolanti per sostenere la propria attività artistica. Frequentemente sentiamo di musicisti affermati,  costretti ad interrompere l’attività per esaurimenti psico-fisici.

 

 

 

 

 

 

 

 

Per svolgere un'attività normale è sufficiente possedere un corpo normalerigo musicale ginnastica

Per svolgere un'attività speciale è necessario possedere un corpo speciale

SUONARE E' UN'ATTIVITA' SPECIALE

 

 

 

 

 

Suonare è uno sforzo psico-fisico notevole

 

 Normalmente il musicista per "allenarsi" usa solo lo strumento ed il leggio. Il musicista si "accanisce" ad accordare lo strumento,  mentre scorda il corpo: il risultato è che suona con lo strumento intonato ed il corpo stonato.

Nonostante una mole notevole di studio,il musicista finisce per arrivare fuori forma al momento esecutivo ed è sempre più spesso vittima di patologie invalidanti (tendiniti, distonia focale, lombalgie, cervicalgie, cefalee, vene varicose) o, peggio, ad esaurimento nervoso (le cosiddette "malattie professionali").

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su

+

Di che ti piace

5-leggi-biologiche