Le 5 leggi biologiche per la salute e il benessere naturale

RETINOPATIA

 

s.coats-5_leggi_biologicheRETINITE

(malattia di Coats)


Secondo la Medicina convenzionale la retinite è il deterioramento della retina e causa una riduzione della acuità visiva anche molto marcata. Essa riconosce due tipi di degenerazione retinica:

1."secca" (alterazioni pigmentarie e,successivamente, perdita di epitelio retinico)


2."umida" o essudativa/neovascolare (formazione di membrane di nuovi vasi al di sotto della retina che tendono a "sollevarla").


Nel secondo tipo rientra quella che la Medicina convenzionale etichetta come "malattia di Coats". La maggior parte delle diagnosi di questa patologia viene effettuata entro le due prime decadi di vita, con un picco di incidenza compreso tra i 5 e gli 8 anni. Questa patologia si manifesta generalmente in forma isolata, unilaterale e colpisce più frequentemente il sesso maschile. E' una vasculopatia retinica idiopatica, non-ereditaria, caratterizzata dalla presenza di vasi retinici teleangectasici associati ad essudati intra-retinici e/o sottoretinici che, frequentemente, inducono ad un distacco di retinico essudativo e alla cecità monolaterale. L'eziologia della malattia di Coats resta ancora sconosciuta, sebbene siano stati riportati alcuni casi che enfatizzano l'ipotesi di una componente genetica. Il decorso clinico della malattia di Coats è variabile ma, quasi sempre, progressivo.

 

Secondo le 5 leggi biologiche,

tutte le forme di "retinopatia" sono un fenomeno organico diretto dal Cervello per risolvere un conflitto biologico di sopravvivenza.

 

La retina dell'individuo, che ha paura di un pericolo in agguato proveniente da dietro le spalle (che non vede e non può evitare), riduce la sua capacità visiva centrale per aumentare quella laterale e poter vedere anche dietro ("degenerazione maculare secca").Fase di simpaticotonia.

Il Cervello, una volta risolto questo conflitto di paura, procede alla restituzione della capacità visiva producendo un edema fra la sclera e la retina ("degenerazione retinica umida"). Fase vagotonica. Questo edema di riparazione comporta una diminuzione drammatica della vista, a causa del sollevamento/distacco della retina, soprattutto quando è coinvolta la fovea centrale (macula). Al termine di questo processo organico di riparazione rimane una diminuzione della capacità visiva.

Miopia: la cavità risultante tra il distacco laterale della retina e la sclera si colma di tessuto cicatriziale e provoca l'allungamento ottico del globo oculare.

Ipermetropia: distacco dorsale della retina con la sclera che, riparandosi, si indurisce. Il globo oculare viene così otticamente accorciato.

 

 retinite-5 leggi biologiche



retinopatia cert.1
retinopatia certSamanta, oggi 40 anni, nel marzo 2011 accusa un disturbo della vista. Vede nel campo visivo laterale destro una macchia.
Si reca dall'Oculista che l'aveva operata per la miopia nel 2004 (cheratotomia radiale), per capire se questo disturbo fosse legato a quell'intervento. L'Oculista la spaventa diagnosticando una emorragia vitreale da malattia vascolare retinica proliferante periferica da operare entro una settimana altrimente sarebbe diventata cieca a quell'occhio.

Samanta, per decidere cosa fare, chiede consulenza con le 5 Leggi Biologiche perchè vuole capire e verificare l'origine del suo disturbo ( che non rientra nell'eziologia maggioritaria, cioè lei non è maschio e non ha meno di 20 anni).

Compreso il suo sentito biologico di "pericolo in agguato proveniente da dietro le spalle", che ha innescato il suo Processo Biologico Sensato, decide di prendere tempo. Invece che operarsi d'urgenza, prenota una visita da un'altro Oculista ed esegue alcune prescrizioni per cambiare percezione di questo pericolo. 


L'Oculista le conferma la diagnosi con fluoroangiografia, etichettandola come "malattia di Coats". Samanta osserva che il suo disturbo, in tre settimane, non è peggiorato e non è diventata cieca come paventato dalla Medicina convenzionale.

Samanta accetta due trattamenti con laser perchè sà che questo intervento non ostacolerà il suo Processo Biologico Speciale essendo passate tre settimane dall'insorgenza del disturbo, quindi, la fase essudativa (PCLA) enunciata dalle Leggi Biologiche è terminata.

 

 

retinopatia cert2

 

Nel frattempo insorgono gravi problemi di salute al suo piccolo figlio per cui Samanta non controlla più la sua vista che, peraltro, non mostra cambiamenti.

Nel dicembre 2012 , Samanta decide un controllo della sua vista perchè ha osservato che è molto diminuita nell'occhio destro.

retinopatia cert4retinopatia cert5

L'Oculista con la sua diagnosi, di retinopatia proliferativa non recente con esiti di essudazione retinica pregressa e una miopia di 2 decimi, conferma il Processo Biologico Sensato (L'edema di riparazione porta ad una diminuzione drammatica della vista, a causa del sollevamento/distacco della retina; la cavità risultante tra il distacco laterale della retina e la sclera si colma di tessuto cicatriziale e provoca l'allungamento ottico del globo oculare).

Nel marzo 2013 il Chirurgo Oculista decide di operare per "fissare" questo "distacco" di retina e dichiara che la vista è salva, però la capacità visiva rimarrà di 2 decimi e non potrà migliorare.

retinopatia operazioneretinopatia cert6

Invece grazie all'operazione chirurgica (fissazione retina con rimozione del tessuto fibrotico) viene ridotta la lunghezza ottica del globo oculare e, così, Samanta inaspettatamente migliora fino ad arrivare a 5 decimi di visus.

retinopatia cert7

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su

+

Di che ti piace

5-leggi-biologiche