Salute e benessere del musicista

Introduzione

Salute Benessere per il musicista

Sono notevolmente cresciuti, negli ultimi decenni, i carichi di lavoro dei musicisti professionisti (ma anche degli studenti che si preparano ad esami, corsi di perfezionamento e concorsi). Non sempre questi marcati aumenti dei carichi si sono tradotti in altrettanti miglioramenti, nelle prestazioni, anzi si registra un incremento di quelle che vengono comunemente definite "malattie professionali".

Sale infatti sensibilmente il numero dei musicisti costretti a ricorrere agli psicofarmaci, beta-bloccanti o droghe stimolanti per sostenere la propria attività artistica. Frequentemente sentiamo di musicisti affermati,  costretti ad interrompere l’attività per esaurimenti psico-fisici.

 

 

Suonare è uno sforzo psico-fisico notevolerigo musicale ginnastica

 

 

 

 

 

 

 

 

Normalmente il musicista per "allenarsi" usa solo lo strumento ed il leggio. Il musicista si "accanisce" ad accordare lo strumento,  mentre scorda il corpo: il risultato è che suona con lo strumento intonato ed il corpo stonato.

Nonostante una mole notevole di studio,il musicista finisce per arrivare fuori forma al momento esecutivo ed è sempre più spesso vittima di patologie invalidanti (tendiniti, distonia focale, lombalgie, cervicalgie, cefalee, vene varicose) o, peggio, ad esaurimento nervoso (le cosiddette "malattie professionali").

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su

+

Di che ti piace

5-leggi-biologiche